Dantedì

Biblioteca nazionale centrale di Roma

18 marzo 2022 - Dantedì

Il 25 marzo, data che gli studiosi riconoscono come inizio del viaggio nell’aldilà della Divina Commedia, ricorre la Giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri, istituita nel 2020.

Il VII centenario dantesco (1321-2021) è stato celebrato in Italia e nel mondo intero con un calendario fitto di manifestazioni, e la Biblioteca nazionale centrale di Roma ha attivamente partecipato sia con numerose iniziative in sede, sia contribuendo ad eventi presso altri istituti, sia condividendo contenuti tratti dalle proprie collezioni antiche, rare e di pregio attraverso i canali comunicativi istituzionali.

Ma anche nel 2022 proseguono le celebrazioni dell’opera dantesca:

venerdì 25 marzo, infatti, proprio in concomitanza con il Dantedì 2022, si apre presso la Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana, la mostra La ricezione della Commedia dai manoscritti ai media, originariamente prevista per la primavera del 2021, e poi rimandata per ragioni legate alla pandemia al periodo 25 marzo-25 giugno 2022.

Per l’occasione la BNCR ha concesso in prestito numerose opere, fra le quali un codice dantesco del sec. XIV (Ms. S. Pant. 8), importanti manoscritti moderni, varie edizioni illustrate e perfino rari fumetti ispirati al testo dantesco.

Nell’ambito della mostra la BNCR cura, inoltre, la sezione “La Commedia nel Novecento”, attraverso un percorso che si muove tra il Dante illustrato – Amos Nattini, Salvatore Dalì, Antony de Witt –, il Dante tipograficamente stampato in modo artigianale – Alberto Tallone​, Franco Riva – e il Dante “riscritto”, come testimoniano due opere, una dell’inizio del secolo scorso, l’altra della seconda metà: la Francesca da Rimini di Gabriele dAnnunzio e La Divina Mimesis di Pier Paolo Pasolini.

La prima, dedicata a uno degli episodi più fortunati della Commedia, introduce al dantismo primonovecentesco; nella seconda, invece, Pasolini s’immerge nell’inferno contemporaneo, tra i peccatori della società neocapitalistica.

La BNCR ha anche colto l’occasione per condurre un’accurata analisi delle edizioni dantesche in suo possesso, completandone o arricchendone la descrizione bibliografica per fornire un catalogo più completo ed accessibile agli studiosi, ed ha individuato, attraverso una mirata ricognizione nel mercato antiquario, edizioni di particolare rilievo storico, bibliografico ed artistico utili ad arricchire le proprie collezioni.

Sono state così acquisite alcune opere di straordinario valore e pregio che sono ora conservate presso il Dipartimento Manoscritti e Rari e Collezioni speciali e che saranno esposte in un’apposita bacheca presso la Sala Manoscritti per il Dantedì 2022, il prossimo venerdì 25 marzo.

Sarà dunque possibile ammirare, in tale occasione, la celebre prima edizione aldina della Commedia del 1502, due importanti edizioni commentate e figurate stampate a Venezia nel sec. XVI (Stagnino, 1512 e Marcolini, 1544) ed una delle più note e rare opere di illustrazione integrale del capolavoro dantesco firmata dal grande artista e incisore Bartolomeo Pinelli.